Search

Anello del Passo Vajolon dal Rifugio Paolina: trekking nel Catinaccio

Il sentiero di trekking che porta al Passo Vajolon ci conduce nello splendido scenario roccioso delle Dolomiti del Gruppo del Catinaccio. Il Passo Vajolon, situato a 2.560 metri di altitudine, è raggiungibile dal Rifugio Paolina, a sua volta raggiungibile dal paese di Carezza-Karersee vicino al famosissimo ed omonimo Lago di Carezza. Dal Passo Vajolon possiamo poi percorrere uno splendido percorso ad anello, raggiungendo anche il Rifugio Roda di Vael, camminando ai piedi delle pareti dolomitiche

Tra le cose da fare se vi trovate in Val d’Ega o Val di Fassa, il sentiero di trekking che attraversa il Passo Vajolon vi porterà in uno scenario dolomitico mozzafiato, tra ghiaioni, torri e pareti rocciose. Inoltre il panorama spazia sempre su alcune delle cime più belle delle Dolomiti, tra cui Latemar, Marmolada, Sella e le Pale di San Martino!

Partiamo allora a descrivere in questo articolo come arrivare al Passo Vajolon dal Rifugio Paolina o dal Rifugio Roda di Vael!

passo vajolon
Scenario roccioso mozzafiato lungo la discesa dal Passo Vajolon verso il Rifugio Roda di Vael. Sullo sfondo a destra l’incombente parete dolomitica della cima della Roda di Vael

Come raggiungere il Passo Vajolon dai rifugi Paolina e Roda di Vael: itinerario di trekking ad anello

  • dal rifugio Paolina (2.125 m.) si segue il sentiero 552 nella direzione verso il Rifugio Coronelle. Dal 552 si svolta lungo il sentiero 9 verso il Passo Vajolon (2.560 m.), raggiungibile in circa 1 ora e 15 minuti dal rifugio Paolina.
  • si scende dal Passo Vajolon seguendo il sentiero 551 che diventa poi 541 sempre tenendo come direzione il Rifugio Roda di Vael (2.283 m.), che si raggiunge in circa 1 ora dal Vajolon.
  • per chiudere l’anello si segue il sentiero 549 e poi deviando sul 539 per tornare al rifugio Paolina (30 minuti dal Roda di Vael)
parete roda di vael da passo vajolon

Percorso totale:

  • Dislivello: 550 metri in salita ed altrettanti in discesa
  • Distanza: 6 chilometri
  • Tempo di percorrenza: calcolate in totale circa 3 ore per l’anello completo (escludendo le pause varie per foto, pranzo e altro)
  • Difficoltà: il percorso presenta un livello di difficoltà medio, che si alza in alcuni passaggi prima di raggiungere il Passo Vajolon. Da segnalare infatti solamente alcuni punti di sentiero in questo tratto dove si trova un cordino metallico che facilita il passaggio, insieme ad una scaletta metallica.

Per raggiungere il Rifugio Paolina è possibile:

  • prendere la seggiovia che parte dagli impianti di Carezza (seggiovia Paolina: trovate maggiori dettagli e dati aggiornati in merito a orari e prezzi qui https://carezza.it/it/Estate/Impianti-di-risalita)
  • percorrere a piedi il sentiero 6A che dalla stazione a valle della seggiovia conduce al rifugio costeggiando la pista da sci invernale (circa 1 ora e mezza di salita per 450 metri di dislivello positivo, da aggiungere, compresa la discesa, al percorso totale descritto sopra – circa 3 ore complessivamente in più)

Partenza da Carezza-Rifugio Paolina per raggiungere il Passo Vajolon e Rifugio Roda di Vael

Il punto di partenza di questo itinerario ad anello del Passo Vajolon si trova presso la stazione a valle della seggiovia Paolina. Ci troviamo nella località turistica di Carezza, in Val d’Ega in Provincia di Bolzano. Vicino agli impianti si trova un ampio parcheggio gratuito per le auto, di cui trovate la posizione nella mappa qui sotto:

Come detto, da qui è possibile raggiungere il Rifugio Paolina o a piedi oppure velocemente in seggiovia (opzione scelta in questo caso per via di limiti di tempo a disposizione).

Rifugio Paolina

Dal Rifugio Paolina si imbocca il sentiero 552, ben segnalato ed evidente, che riporta la direzione verso il Rifugio Coronelle. Il sentiero si sviluppa al limitare di alcuni boschetti e per la maggior parte del tempo si procede a mezza costa lungo il pendio erboso scosceso ai piedi del fianco roccioso del Catinaccio. O, per meglio dire, lungo il fianco dell’antica scogliera triassica rappresentata dal massiccio Sciliar-Catinaccio.

Si tratta di un percorso dal forte interesse geologico, perché lungo il sentiero si cammina sempre a stretto contatto con le stratificazioni rocciose variegate e colorate, costituite dagli strati della formazione di Werfen, composti da arenarie ed argille rosse.

roda di vael parete da rifugio paolina
Lungo il sentiero 552: i segni delle ere geologiche descritti nella roccia scoperta, ed in alto l’incombente parete dolomitica della Roda di Vael

Proseguendo lungo il sentiero si mantiene inoltre una vista costante verso le pareti e le torri rocciose del Latemar:

latemar visto da sentiero rifugio Paolina
Sentiero 552 e vista verso il gruppo dolomitico del Latemar

Proseguendo lungo il sentiero la vegetazione si fa via via sempre più rada e si risale l’ultimo tratto del pendio erboso ai piedi del Catinaccio. Lasciamo il sentiero 552 (che porterebbe fino al rifugio Coronelle, diventando sentiero 549) e seguiamo invece la direzione del Passo Vajolon, indicato sui cartelli segnavia del sentiero 9.

Da qui in avanti si entra in uno scenario ancor più spettacolare, dove la roccia frastagliata la fa da padrone

salita verso passo vajolon trekking
salita sentiero 9 trekking passo vajolon
Indicazioni del sentiero 9 verso il Passo Vajolon

Si comincia a risalire il ghiaione ai piedi della Roda di Vael, che incombe sul sentiero in tutta la sua maestosità

sentiero roda di vael verso passo Vajolon
passo vajolon ai piedi della roda di vael
Sulla destra l’enorme parete dolomitica della Roda di Vael che incombe sul sentiero 9

Passo Vajolon

La salita si fa a mano a mano più impervia, senza mai risultare tuttavia eccessivamente difficile.

passo vajolon trekking

Giungiamo così nella conca rocciosa che precede l’ultima salita verso il passo. Il sentiero è circondato dalla roccia, che crea una cornice estremamente scenografica, in una situazione tipica degli scenari dolomitici.

Alcune scalette, prima di legno e poi metalliche, agevolano il passaggio. In questi tratti è richiesto un passo fermo e sicuro, anche se non rappresentato punti di sentiero eccessivamente esposti.

passo vajolon scalette di legno
passo vajolon nel catinaccio e cielo azzurro in vista
passo vajolon salita finale su roccette

Una volta giunti al passo, la vista si apre in maniera favolosa verso un panorama incredibile. Di fronte a noi al Marmolada, che si staglia in lontananza in secondo piano rispetto ad un enorme ed incombente blocco roccioso delle propaggini orientali del Catinacio di fronte a noi.

panorama da passo vajolon verso la Marmolada
Al centro il lontantanza il profilo inconfondibile della Marmolada con Punta Penia e Gran Vernel
panorama da passo vajolon verso le Pale di San Martino
Il panorama si amplia verso sud-ovest raggiungendo in fondo a destra anche le Pale di San Martino

Dopo una breve pausa contemplativa al Passo Vajolon proseguiamo nella direzione del Rifugio Roda di Vael, imboccando il sentiero 551

passo vajolon discesa verso rifugio roda di vael
Sentiero 551 dopo il Passo Vajolon

Ci troviamo così immersi in un ampio anfiteatro roccioso, con la chiarissima roccia del Catinaccioche ci circonda.

passo vajolon trekking scarponi dolomite

Rifugio Roda di Vael

Il sentiero prosegue in costante discesa senza tratti eccessivamente impegnativi , tranne una breve discesa su roccette su cui prestare un po’ di attenzione, ma tutto sommato niente di complicato. La Roda Di Vael è sempre protagonista in questo tratto di sentiero con la sua monumentale parete:

roda di vael parete orientale
Lungo i tratti più rocciosi e scenografici del sentiero 551, con al centro la Roda Di Vael

Si attraversa così un tratto decisamente scenografico, dove si incontrano pinnacoli e torrette rocciose, prima di raggiungere il comodo sentiero 541 che ci conduce nell’ultimo tratto panoramico prima del rifugio Roda di Vael

pinnacoli rocciosi discesa rifugio roda di vael
sentiero 541 vista verso cima sforcella
Sentiero 541 e vista verso la Cima Sforcella al centro
sentiero 541 verso il rifugio roda di vael
Sentiero 541 e panorama roccioso che si apre sempre fino alle Pale di San Martino

Si raggiunge il rifugio di Vael nell’ultimo tratto di sentiero molto comodo e facile in leggera discesa. Questo tratto di sentiero risulta molto frequentato: dal rifugio Roda di Vael ci si collega infatti facilmente di nuovo al Rifugio Paolina tramite il sentiero 549, che non presenta nessuna difficoltà ed è in leggera discesa. Inoltre si mantiene sempre costante la vista panoramica, che si arricchisce di un primo piano notevole verso le pareti dolomitiche del Latemar. Ci troviamo nei pressi del monumento a Christomannos (che rappresenta un’acquila), un notevole avvocato che contribuì a sviluppare le prime forme di turismo nelle Dolomiti verso la fine del diciannovesimo secolo.

vista verso il Latemar dal sentiero 549 verso il rifugio Paolina
Vista verso il Latemar nei pressi dell’acquila di Christomannos

Termina così questo e splendido percorso di un trekking ad anello al Passo Vajolon nel Catinaccio. Se questo articolo vi è piaciuto, lasciateci un commento qui sotto oppure seguiteci sui social (Instagram, Facebook, Pinterest)!

Se siete alla ricerca di altre escursioni nella zona del Catinaccio in Val d’Ega vi consigliamo di visitare questa sezione del nostro blog, dove abbiamo raccolto i percorsi di questa categoria Focus On Trips – Val D’Ega oppure Focus On Trips – Gruppo Sciliar-Catinaccio

Traccia GPS

  • link per scaricare la traccia GPS del percorso di trekking ad anello dal Rifugio Paolina al Passo Vajolon, sul portale outdooractive.com

2 comments

    1. Eh si la neve in queste ultime due settimane settembrine va e viene con qualche spruzzata inaspettata: è sempre meglio consultare i rifugi per conoscere lo stato dei sentieri in questo periodo 🙂 ma abbiamo visto che siete riusciti a fare tutto il giro, nonostante la pioggia prevista in arrivo ieri! Bravi! 🙂

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Travel - Adventure - Life

Made by Focus On Trips.
© Copyright 2021. All rights reserved.
Close
Don`t copy text!