Search

Trekking al Rifugio Puez da Passo Gardena

Il sentiero di trekking che porta al Rifugio Puez rappresenta una porta di accesso allo splendido paesaggio roccioso del gruppo delle Dolomiti di Puez. Il Rifugio Puez, situato a 2.475 metri di altitudine, è raggiungibile dal famoso Passo Gardena, punto di collegamento tra la Val Gardena e la Val Badia, in provincia di Bolzano. Ci troviamo nel gruppo delle Dolomiti Puez-Odle, caratterizzato da ambienti rocciosi estremamente scenografici, e da una vista incredibile verso i vicini gruppi di Sella e Sassolungo.

Tra le cose da fare se vi trovate in Val Gardena o in Val Badia, il sentiero di trekking che parte dal Passo Gardena vi condurrà nel bel mezzo di un panorama roccioso veramente emozionante, con torri di roccia aguzze tipiche dei paesaggi dolomitici. Inoltre, il sentiero attraversa l’altopiano roccioso dall’aspetto lunare che è una delle peculiarità del gruppo del Puez, insieme a scorsi magnifici sulle vette delle Dolomiti circostanti. Partiamo!

trekking rifugio puez sentiero 2 da passo gardena dolomiti sella

Itinerario di trekking da Passo Gardena al Rifugio Puez

  • da Passo Gardena (2.121 m.) si segue il sentiero numero 2, ben segnalato, che conduce prima in leggera salita verso il Rifugio Jimmy (2.222 m.) e poi con una salita più decisa verso la Forcella Cier (2.467 m.), raggiungibile in circa 1 ora dal Passo Gardena
  • si continua a seguire il sentiero numero 2 in leggera discesa con seguente risalita verso la Forcella de Crespeina (2.527 m. – 30 min. da Forcella Cier). A questo punto si può proseguire sul sentiero 2 verso il Lago de Crespeina e Rifugio Puez, oppure si può prendere una deviazione sul sentiero 2A che porta alla cima del Sas Ciampac (2.666 m.) per poi ricongiungersi successivamente al sentiero 2. (questa deviazione allunga il percorso verso il rifugio Puez di circa 30 minuti).
  • dalla Forcella de Crespeina seguiamo così il sentiero 2A che ci porta in salita fino al Sas Ciampac (2.666 m.) in circa 1 ora
  • dal Sas Ciampac si scende poi sul sentiero 2A e si raggiunge in 30 min. la Forcella de Ciampei (2.366 m.), riprendendo il sentiero 2, che seguiamo fino al Rifugio Puez, per gli ultimi 40 minuti di cammino
  • per il ritorno dal Rifugio Puez al Passo Gardena, seguiamo sempre il sentiero 2, senza percorrere di nuovo la deviazione lungo il 2A

Percorso totale:

  • Dislivello: 1.050 metri in salita ed altrettanti in discesa
  • Distanza: 13,5 chilometri.
  • Tempo di percorrenza: nel caso del nostro itinerario, che comprende la deviazione all’andata lungo il sentiero 2A, calcolate in totale circa 3 ore e 40 minuti per l’andata e 2 ore e mezza per il ritorno (considerate circa 6 ore totali stando larghi, escluse le pause)
  • Difficoltà: il percorso non presenta particolari difficoltà. Il dislivello è abbastanza elevato ma viene affrontato gradualmente dal sentiero e non ci sono tratti particolarmente faticosi. Da prestare attenzione lungo il tratto che precede la salita verso il Sas Ciampac, dove il sentiero è un po’ più esposto, ma senza difficoltà particolari.

Partenza da Passo Gardena

Il punto di partenza dell’itinerario è Passo Gardena (2.121 metri), distante circa 20 minuti di auto da Selva di Val Gardena (in provincia di Bolzano). Presso il passo sono presenti alcuni piccoli parcheggi a pagamento (tariffa estate 2021: 6 € al giorno), ma in generale nei week-end centrali del periodo estivo è consigliabile evitare di salire al passo con la propria auto. Questo anche in un’ottica di riduzione del traffico e afflusso di auto sui passi dolomitici, che negli ultimi anni ha raggiunto livelli troppo elevati.

Per questo è possibile affidarsi alla rete di trasporto pubblico, lasciando l’auto:

  • a Selva di Val Gardena oppure Ortisei, se si arriva dalla Val Gardena
  • a Corvara o Colfosco, se si arriva dalla Val Badia

Da queste località si può poi raggiungere il Passo Gardena tramite autobus, i cui orari si trovano su questa pagina web https://www.valgardena.it/it/orari-dei-pullman-pubblici/ (linea 473 Val Gardena-Passo Gardena, Val Badia).

Una volta raggiunto il Passo Gardena, il sentiero di trekking verso il Rifugio Puez comincia il suo percorso su di una larga e comoda strada sterrata, che regala già splendidi panorami verso le pareti rocciose delle Dolomiti: verso nord il Gruppo del Cir, e a sud il Gruppo del Sella e il Sassolungo.

sentiero trekking passo gardena
Partenza del sentiero numero 2 da Passo Gardena: a sinistra vediamo il Grande Cir (2.592 m.) mentre sulla destra il Sas Ciampac (2.666 m.)
passo gardena dolomiti trekking
Nei pressi del Passo Gardena: a sinistra le torri del gruppo dolomitico del Sella, mentre a destra si nota il Sassolungo

Paesaggio dolomitico: verso Forcella Cier

Dal Passo Gardena si procede molto tranquillamente su comodo sentiero sterrato fino al Rifugio Jimmy (2.222 m.): da qui comincia il sentiero vero e proprio, che si sviluppa in salita lungo il fianco detritico delle torri del Cir e a mano a mano che si guadagna quota il paesaggio roccioso diventa sempre più affascinante, regalando scorci emozionanti.

trekking rifugio puez sentiero 2
Sentiero 2: in basso al centro si vede il Rifugio Jimmy
trekking rifugio puez sentiero 2 da passo gardena dolomiti sella
Panorama verso il Gruppo del Sella: a sinistra la Cima Pisciadù (2.985 m.)
trekking rifugio puez sentiero 2 da passo gardena dolomiti sella

Il sentiero 2 si sviluppa su roccette risalendo il ghiaione per poi addentrarsi nell’incredibile scenario roccioso del Cir. Tutto ad un tratto ci troviamo infatti nel cuore di un bacino roccioso, disseminato di torri aguzze e detriti dolomitici dalle varie forme. Attraversiamo così uno dei tratti di sentieri più belli e scenografici delle Dolomiti, camminando al fianco di queste torri e speroni rocciosi.

trekking rifugio puez sentiero 2 da passo gardena dolomiti
Il sentiero 2 verso la Forcella Cier
trekking rifugio puez sentiero 2 da passo gardena dolomiti
Torri e detriti lungo il sentiero 2 nel gruppo dolomitico del Cir

Alcuni stretti tornanti ci permettono di salire di quota, fino a raggiungere i 2.467 m. della Forcella Cier, da cui ammiriamo il sentiero appena percorso. Gli speroni rocciosi, i ghiaioni dolomitici e le torri del gruppo del Sella sullo sfondo ci regalano un panorama mozzafiato:

dolomiti rifugio puez passo gardena sella
forcella cier passo gardena trekking dolomiti

Guardando in avanti invece restiamo colpiti dall’imponente parete ad altezza continua del Mont Seura (2.548 m.), che fa quasi da muraglia verso il gruppo del Puez.

trekking rifugio puez sentiero 2 da passo gardena dolomiti

Al centro invece, la Val de Chedul si apre con il suo sentiero che si ricollega fino a Selva di Val Gardena.

forcella cier passo gardena trekking dolomiti
Scorcio sulla Val de Chedul, con la parete del Mont Seura sulla destra

Forcella de Crespeina e Sas Ciampac

rifugio puez trekking gruppo cir dolomiti
Sentiero in salita verso la Forcella de Crespeina lungo il ghiaione dolomitico ai piedi delle pareti del Mont Seura

Dalla Forcella Cier il sentiero scende brevemente, raggiungendo dei piccoli prati puntellati da numerosi detriti rocciosi. Da qui cominciando a snodarsi nuovamente dei tornanti molto stretti, che permettono di salire fino alla Forcella de Crespeina (2.527 m.). Il panorama si ampia sempre di più, arrivando fino all’iconica Punta Santner dello Sciliar, che svetta sull’Alpe di Siusi.

rifugio puez trekking gruppo cir dolomiti
Panorama sulla Val de Chedul fino all’Alpe di Siusi e allo Sciliar con l’iconica Punta Santner

Proseguendo sul sentiero 2, la Forcella de Crespeina ci permette di raggiungere con lo sguardo il Puez e le sue principali cime, al termine del roccioso e scenografico altopiano lunare.

altopiano puez trekking dolomiti
Altopiano del Puez, con a sinistra la cima del Piz de Puez (2.842 m.)

Dalla forcella scegliamo di proseguire lungo il sentiero 2A, prendendo la deviazione che conduce in salita alla cima del Sas Ciampac (restando sul sentiero 2 invece si scende al Lago de Crespeina e si raggiune poi il rifugio Puez in meno tempo, considerate 30 minuti in meno sul tempo totale dell’escursione).

La salita verso il Sas Ciampac si percorre su uno stretto sentiero roccioso:

sentiero 2A sas ciampac dolomiti passo gardena
gruppo puez trekking dolomiti passo gardena
Vista dal sentiero 2A: in basso si nota il Lago de Crespeina ed il sentiero 2

Lungo la salita verso il Sas Ciampac si incontrano notevoli scorci panoramici, nel nostro caso parzialmente coperti da nuvole in formazione nel corso della mattinata. Nonostante ciò, il panorama si apre su tutta la Val Badia ed il gruppo del Sella. In questo tratto di sentiero è necessario procedere con attenzione perchè sulla cima del Sas Ciampac le pareti scendono molto ripide (meglio ammirare il panorama senza sporgersi troppo!)

sas ciampac cima dolomiti trekking
Scorci verso le Torri del Sella ed Sassolungo
sas ciampac corvara dolomiti
Vista panoramica su Colfosco e Corvara in Val Badia: in fondo al centro si riconosce la sagoma del Monte Civetta tra le nubi

Dopo aver raggiunto il Sas Ciampac, il sentiero 2A scende decisamente tra le rocce fino a ricongiungersi con il sentiero di trekking numero 2 verso il Rifugio Puez. Anche in questo tratto la varietà rocciosa dolomitica ci regala scorci panoramici veramente incredibili.

sas ciampac dolomiti
sas ciampac dolomiti
In discesa dopo il Sas Ciampac: si nota la parete rossastra del Sas Ciampei (2.654 m.)

Rifugio Puez

Una volta ritrovato il sentiero 2, resta da percorrere l’ultimo tratto tra vari sali-scendi non troppo accentuati fino al Rifugio Puez, che sorge in uno splendido anfiteatro roccioso alla base del Col de Puez:

gruppo puez dolomiti trekking
Il rifugio Puez (2.475 m.) con il Col de Puez (2.725 m.) a sinistra

Il Rifugio Puez è di proprietà della sezione CAI di Bolzano, che lo ricostruì nel 1982 (la prima versione del rifugio risale al 1889). Un rifugio molto spazioso che si trova sul percorso della famosa Alta Via numero 2 delle Dolomiti.

Ci fermiamo così nei pressi del rifugio Puez a mangiare i nostri panini come pranzo al sacco da trekking, per poi goderci i raggi del sole di nuovo spuntato tra le nuvole, sedendoci con una birra sulle panchine della terrazza del rifugio.

Decidiamo di rientrare dopo una pausa prolungata al rifugio: il sole viene nuovamente nascosto dalle nuvole, che si avvicinano sempre più minacciose e cominciano a brontolare, portando l’eco di un temporale lontano.

In questo modo acceleriamo il passo e rientriamo sempre sul sentiero 2 fino al Passo Gardena, percorrendo anche il tratto vicino al lago de Crespeina che all’andata non avevamo percorso a causa della deviazione sul sentiero 2A.

gruppo puez dolomiti trekking
Lago de Crespeina gruppo puez dolomiti trekking

Il Lago de Crespeina (2.374 m.)

Nonostante le nuvole minacciose, riusciamo a rientrare al Passo Gardena camminando solo per un breve tratto sotto alla pioggia e ad una grandine molto leggera, fermandoci per un ultima pausa al rifugio Jimmy vicino al passo Gardena per una buona fetta di Linzertorte come merenda!

Un itinerario di trekking verso il Rifugio Puez è sicuramente una delle esperienze da non perdere se si visita la Val Gardena o la Val Badia! Se questo articolo vi è piaciuto, lasciateci un commento qui sotto oppure seguiteci sui social (Instagram, Facebook, Pinterest)!

Se siete alla ricerca di altri trekking in Val Gardena o Val Badia cliccate qui per vedere le nostre sezioni dedicate:

2 comments

    1. Grazie mille Lara per il commento 🙂 il sentiero dev’essere stato bellissimo anche con la salita da Corvara!

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Travel - Adventure - Life

Made by Focus On Trips.
© Copyright 2021. All rights reserved.
Close
Don`t copy text!