Search

Cima Piz da Peres e Lago Fojedora: anello di trekking da Passo Furcia nelle Dolomiti di Marebbe

Un percorso di trekking adrenalinico ed impegnativo verso la vetta di una cima delle Dolomiti di Enneberg-Marebbe, lontano dai percorsi più frequentati, ed uno splendido lago circondato da un panorama dolomitico incredibile: il Piz da Peres (2.507 m.) ed il Lago Fojedora (2.252 m.) sono i protagonisti di questo trekking ad anello da Passo Furcia.

lago fojedora dolomiti
Vista sul lago Fojedora in primo piano, con le Tre Cime di Lavaredo in fondo a sinistra, la Croda del Becco al centro ed il Monte Sella di Sennes a destra

Punto di partenza di questa escursione verso la cima del Piz da Peres è il Passo Furcia, che collega San Vigilio di Marebbe, ai margini della Val Badia, a Valdaora in Val di Pusteria, vicino alla nota destinazione sciistica di Plan de Corones. Ci troviamo al confine settentrionale delle Dolomiti in Alto Adige, in un sottogruppo montuoso poco frequentato rispetto ad altri siti dolomitici ben più famosi. Le Dolomiti di Enneberg-Marebbe, facenti parte delle Dolomiti di Braies, sono caratterizzate da alcune cime poco appariscenti, che superano di poco i 2.500 metri, ma non per questo meno interessanti.

Tra queste troviamo proprio il Piz da Peres, raggiungibile con un percorso impegnativo su roccia ed a tratti molto esposto, adatto ad escursionisti esperti, per poi essere ripagati con una vista panoramica eccezionale verso il Lago Fojedora e le Dolomiti del parco Fanes-Sennes-Braies che lo circondano.

Partiamo!

cima piz da peres lago fojedora
Panorama dalla cima del Piz da Peres: Vista dalla cima del Piz da Peres: il lago Fojedora spunta al centro, con le Tre Cime di Lavaredo in fondo a sinistra, la Croda del Becco e la Croda Rossa d’Ampezzo al centro ed il Monte Sella di Sennes a destra

Come raggiungere la cima del Piz da Peres e Lago Fojedora da Passo Furcia: anello di trekking

  • da Passo Furcia (1.758 metri) cominciamo a seguire la strada forestale in direzione Piz da Peres per poi deviare dopo pochi tornanti sul sentiero nr. 12B che parte deciso in una salita abbastanza ripida nel bosco fino a raggiungere il Rifugio-Malga Ücia Picio Pré (1.928 m., 30 minuti dalla partenza) ai margini delle piste da sci estive
  • proseguiamo sul sentiero 12B in salita fino a sbucare dal bosco presso una sella panoramica ( 30 minuti da Ücia Picio Pré) da cui la vista si apre verso tutte le Dolomiti della Val Badia e dove troviamo una croce, per poi deviare in salita sul sentiero 12, ora su roccia ed in “campo aperto” fuori dal bosco
    • da qui in avanti il sentiero 12 ci accompagnerà fino alla cima del Piz da Peres (2.507 m., 1 ora dalla sella di partenza del sentiero 12) in un tratto impegnativo che si muove su roccia, roccette, passaggi stretti, esposti, cavi metallici e ripidi gradini rocciosi, dove si procede con l’aiuto delle mani, con passo fermo ed assenza di vertigini
sentiero 12 piz da peres
Scorci ripidi e rocciosi lungo il sentiero 12
  • procediamo lungo la discesa dalla croce di vetta, sempre sul sentiero 12, su ripidi pendii erbosi fino alla forcella di Cianros-Dreifingerscharte (2.328 m., 20 minuti dalla croce di vetta)
  • dalla forcella seguiamo il sentiero 3 verso il Lago Fojedora, che procede in un susseguirsi di saliscendi su di uno stretto sentiero a tratti ancora esposto, con splendide viste proprio al di sopra del lago. Camminiamo fino ad un incrocio (40 minuti dalla forcella) da cui il sentiero 3 proseguirebbe in discesa fino alle sponde del lago ma noi scegliamo di proseguire dritti seguendo una traccia tra i pascoli fino al passo Ju de Slapadures-Slapadures Joch (2.213 m., 30 minuti)
verso il lago fojedora
  • da qui comincia il lungo e tortuoso percorso di rientro al Passo Furcia, prima sul sentiero 32, e poi sul sentiero 1A e 3B, in un saliscendi che attraversa il bosco ai piedi del Piz da Peres, attraversando in alcuni punti alcune pietraie dove la traccia del sentiero è abbastanza flebile e va seguita attentamente evitando scivolate. Solo l’ultimo tratto di chiusura è costituito da una strada forestale che riporta fino al Passo Furcia (1 ora e 40 minuti dal Passo Slapadures)

Percorso totale:

  • Dislivello: 1000 metri in salita ed altrettanti in discesa
  • Distanza: 11,2 chilometri
  • Tempo di percorrenza: calcolate in totale circa 5 ore e mezza per il percorso ad anello completo (pause escluse)
  • Difficoltà: il percorso può essere considerato complessivamente come difficile ed impegnativo, adatto ad escursionisti con una buona esperienza pregressa su percorsi di questo tipo. La difficoltà principale è costituita dai numerosi tratti di sentiero esposti, che richiedono assenza di vertigini e passo fermo, e dal tratto di salita impervia lungo il sentiero 12 su roccia e roccette
    • E’ questa la parte più impegnativa dell’escursione, da cui poi il sentiero stretto ed esposto lascia a sua volta il posto alla roccia. Roccia da affrontare con alcuni passaggi tecnici dove è richiesto l’utilizzo delle mani, per supportare i piedi che cercano punti di appoggio su ripide roccette, o per sfruttare l’appiglio di alcuni punti attrezzati con cavo metallico
sentiero 12 piz da peres
Sentiero 12
  • Nota-1: Punti di appoggio: l’unico punto di appoggio si trova ad inizio del percorso, presso Ücia Picio Pré. Altrimenti si potrebbe aggiungere una tappa alla Malga Fojedora, raggiungibile dal Passo Slapadures con 45 minuti aggiuntivi (andata e ritorno)
  • Nota-2: Bastoncini da trekking consigliati. Per un’escursione di trekking di questo tipo consigliamo l’utilizzo dei nostri fidati bastoncini da trekking Cober Poles, in modo particolare il modello Buxus che abbiamo cominciato ad utilizzare da quest’anno (li trovate nello shop online Cober a questo link (cliccate qui). I Buxus sono estremamente leggeri (100% in carbonio) ed al tempo stesso robusti: li troviamo adatti ad ogni tipo di terreno, ma soprattutto su sentieri che cominciano ad essere un po’ più tecnici per quanto riguarda salite o discese su rocce e roccette. Con ottima flessibilità, il modello Buxus è facilmente ripiegabile, e questo lo rende ovviamente adatto anche a trekking di questo tipo, dove nei tratti più impervi è consigliabile ripiegare i bastoncini per agganciarli allo zaino, proseguendo con le mani libere.

Partenza da Passo Furcia

Il Passo Furcia, punto di partenza di questa escursione, si trova tra San Vigilio di Marebbe, ai margini della Val Badia, e Valdaora in Val di Pusteria, vicino alla nota destinazione sciistica di Plan de Corones. Il passo si raggiunga in circa 10-15 minuti di auto salendo da San Vigilio di Marebbe.

Ci troviamo al confine settentrionale delle Dolomiti in Alto Adige, in un sottogruppo montuoso poco frequentato rispetto ad altri siti dolomitici ben più famosi. Troviamo un ampio parcheggio gratuito nei pressi del passo dove possiamo lasciare l’auto: trovate la posizione esatta qui sotto:

Ücia Picio Pré – sentiero 12B

Il sentiero che parte dal Passo Furcia ci porta a salire nel silenzio in un fitto bosco, con una costante e ripida salita, prima su strada forestale e poi su sentiero, che ci avvicina sempre di più alle pareti dolomitiche del Piz da Peres. Il primo tratto ci conduce abbastanza rapidamente al primo ed unico punto di ristoro di tutto l’anello, ossia la malga-ristorante Ücia Picio Pré, ai margini delle piste da sci invernali.

passo furcia ucia picio pre
Ücia Picio Pré

Da qui si prosegue ancora per un breve tratto in salita nel bosco, dove l’iniziale strada forestale lascia spazio ad un sentiero che percorre strette curve fino a raggiungere la quota dove gli alberi cedono il posto alla roccia.

Ad un certo punto raggiungiamo uno spiazzo panoramico, dove il bosco si apre e scopre la vista dall’alto verso la Val Badia, il gruppo del Puez ed il Sass de Putia, con una croce a simboleggiare questa elevazione:

croce con vista sulla Val Badia
La vista si apre dalla croce verso il Sass de Putia al centro e il gruppo del Puez sulla sinistra

Sentiero 12

Da qui in avanti la vista si apre notevolmente al di sopra della Val Fojedora, verso tutta l’Alta Badia, con il sentiero che si restringe notevolmente e sale ora sulla roccia, diventando in molti tratti esposto su pendii ripidi e verticali.

sentiero 12 partenza
Il sentiero 12 che, dopo la croce, ci conduce verso la roccia del Piz da Peres

Ci muoviamo ora in un ambiente estremamente scenografico, dove le torri rocciose ci circondano ed il sentiero richiede la massima attenzione. In vari punti la traccia del sentiero si muove su rocce e roccette da superare con ampi balzi che richiedono talvolta l’ausilio delle mani, mentre in altri troviamo un cavo metallico ad agevolare il percorso nei tratti esposti (non si tratta tuttavia né di arrampicata né di ferrata: a proposito di ferrata, bisogno prestare attenzione alla segnaletica del sentiero, perché il sentiero 12 incrocia anche una vera ferrata, da non imboccare senza l’attrezzatura e l’esperienza adeguata)

sentiero 12 tratto roccioso

Continuiamo sempre sul sentiero, evitando le deviazioni della via ferrata, ed in alcuni tratti il sentiero sale ripido e si restringe molto, diventando in vari punti molto esposto, dove è necessario proseguire con molta attenzione e passo fermo.

sentiero 12 tratti esposti
sentiero 12 tratti esposti
sentiero 12 piz da peres

Il sentiero ci propone gli ultimi tratti rocciosi da affrontare a gradoni, prima di lasciare spazio ad un ultimo strappo di salita su un verde e ripido pendio

sentiero 12 piz da peres
sentiero 12 piz da peres

Cima Piz da Peres

cima piz da peres
Ultimo tratto di salita sul ripido pendio erboso del sentiero 12

L’ultimo tratto di salita ci conduce sul pendio sommitale della cima del Piz da Peres, dove svetta la sua croce a presidiare un panorama ed una vista spettacolari. Da qui il panorama a 360 gradi abbraccia numerose cime delle Dolomiti del parco naturale Fanes-Sennes-Braies, fino a raggiungere le Alpi della Zillertal al confine Austriaco

panorama cima piz da peres
Vista dalla cima del Piz da Peres: il lago Fojedora spunta al centro, con le Tre Cime di Lavaredo in fondo a sinistra, la Croda del Becco e la Croda Rossa d’Ampezzo al centro ed il Monte Sella di Sennes a destra

Il sentiero 12 ora prosegue in discesa dopo la croce di vetta, per portarci alla forcella di Cianros-Dreifingerscharte (2.328 m.). In questo tratto la vista verso il lago Fojedora ci accompagna, catturando sempre la nostra attenzione

lago fojedora dolomiti trekking anello cima piz peres passo furcia
discesa da piz da peres
Sentiero 12 verso la forcella Dreinfingerscharte: in primo piano la parete rocciosa della cima Dreifingerspitz (2.479 m.)

Sentiero 3 e Lago Fojedora

Una volta raggiunta la forcella seguiamo il sentiero 3 verso il Lago Fojedora, che procede in un susseguirsi di saliscendi abbastanza esposti e su cui prestare sempre molta attenzione, specialmente nei tratti più stretti del sentiero

sentiero 3 tratti esposti e saliscendi
Saliscendi lungo il sentiero 3: al centro la cima del Piz da Peres da cui scende il sentiero 12
verso il lago fojedora

Da qui in avanti il sentiero continua a sorprenderci, riempiendoci di quella vista verso il lago che a mano a mano si avvicina. Ammiriamo così il Lago Fojedora dall’alto alla nostra destra, percorrendo questo tratto di sentiero 3.

lago fojedora dall'alto
lago fojedora dolomiti
lago fojedora dal sentiero 3

Camminiamo fino ad un incrocio (40 minuti dalla forcella) da cui il sentiero 3 proseguirebbe in discesa fino alle sponde del lago ma noi scegliamo di proseguire dritti seguendo una traccia tra i pascoli fino al passo Ju de Slapadures-Slapadures Joch (2.213 m., 30 minuti). Facciamo questa scelta più che altro per mancanza di tempo, essendo partiti un po’ più tardi del previsto (ed essendo onestamente già soddisfatti della splendida vista panoramica su lago, le cui sponde si raggiungerebbero comunque facilmente in 15-20 minuti scendendo dal sentiero 3)

Passo Slapadures Joch

La traccia tra i pascoli che scegliamo di seguire ci porta a restare un po’ più in alto rispetto al sentiero vero e proprio (sarebbe il sentiero nr. 6 e proseguirebbe in parallelo poco più in basso alla stessa quota del lago). In ogni caso la traccia si riesce a seguire ed intuire abbastanza facilmente, attraversando una zona dove incontriamo molte mucche al pascolo, fino a scendere alla forcella Slapadures

La traccia del sentiero che percorriamo fino a Slapadures Joch

Ritorno su sentiero 32+1A+3B

Da qui ci tuffiamo poi in un lungo percorso di rientro, chiudendo l’anello con il sentiero che dalla forcella Slapadures scende lungo il versante settentrionale del Piz da Peres. Seguiamo prima il segnavia nr. 32 che ci conduce in discesa decisa verso un ghiaione da attraversare

sentiero 32

Poi proseguiamo in discesa raggiungendo la quota del bosco nel quale ci addentriamo, fino a lasciare il sentiero 32 per deviare sul nr. 1A.

Si tratta di un sentiero solitario in cui non incontriamo nessuno (a dire il vero non abbiamo effettivamente incontrato nessuna persona a partire dalla forcella Dreifingerscharte e fino al rientro a passo Furcia), in un susseguirsi di salite e discese, con attraversamenti di alcune ripide pietraie, dove la traccia del sentiero si assottiglia fino a lasciare lo spazio di passaggio ad un solo piede alla volta. La soglia d’attenzione non scende mai, con le ultime salite e con la traccia del sentiero che ogni tanto sembra scomparire nella pietraia.

Ultimi sussulti ed emozioni che ci conducono nuovamente al Passo Furcia, facendoci rimanere così nella pienezza delle emozioni vissute, con le immagini di questa giornata ancora vivide ed impresse nella mente

Seguiamo i cartelli indicatori, che in ogni caso ci conduco chiaramente verso Passo Furcia, dopo il sentiero 1A, lungo il sentiero 3B

Termina così questo splendido percorso di un trekking ad anello da Passo Furcia verso la cima del Piz da Peres e Lago Fojedora Se questo articolo vi è piaciuto, lasciateci un commento qui sotto oppure seguiteci sui social (Instagram, Facebook, Pinterest)!

Se siete alla ricerca di altre escursioni nella zona delle Dolomiti di Braies vi consigliamo di visitare questa sezione del nostro blog, dove abbiamo raccolto i percorsi di questa categoria Focus On Trips – Dolomiti Sesto, Fanes, Braies

Traccia GPS

Link per scaricare la traccia GPS del percorso di trekking ad anello del Piz da Peres e Lago Fojedora da Passo Furcia sul portale outdooractive.com

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Travel - Adventure - Life

Made by Focus On Trips.
© Copyright 2021. All rights reserved.
Close
Don`t copy text!