Search

Da Armentarola a Cima Störes: con le ciaspole in Val Badia

La Val Badia si trova nel cuore delle Dolomiti, dove è possibile assaporare la magica atmosfera invernale con paesaggi e panorami innevati mozzafiato, attraverso escursioni da percorrere con le ciaspole ai piedi. Situata tra le Dolomiti del gruppo Puez-Odle verso ovest e le cime del Parco Naturale Fanes-Senes-Braies verso est, la Val Badia si affaccia verso i colossi della Marmolada, il gruppo del Sella, del Monte Pelmo, della Civetta.

L’itinerario con le ciaspole che vi proponiamo in questo articolo ci porterà alla cima del monte Störes dalla località di Armentarola, un angolo di paradiso della Val Badia. Un itinerario di media distanza ma eccezionalmente panoramico: da cima Störes infatti la vista abbraccia tutte le cime prima nominate: dalla Marmolada alla Civetta, arrivando fino alle Tofane verso est ed il Sasshonger a ovest.

Partiamo!

Itinerario con le ciaspole da Armentarola a Cima Störes

Percorso totale: partiamo dal parcheggio del centro di sci di fondo presso Armentarola (1.650 m.) e seguiamo il sentiero 24B+24A fino alla Cima Störes (2.181 m.), lungo una strada forestale nel bosco che ci accompagnerà fino alla cima. Per il ritorno seguiamo il sentiero dell’andata

  • Dislivello: si tratta di 600 metri di salita ed altrettanti in discesa;
  • Distanza percorsa: 10,9 chilometri in totale;
  • Tempo di percorrenza: 2 ore e mezza di cammino per l’andata in salita e 2 ore per il ritorno in discesa. Quindi 4 ore e mezza complessive per tutto l’itinerario, escluse le pause per pranzare e scattare foto;
  • Difficoltà: si tratta di un’escursione di difficoltà medio-bassa. Il percorso è infatti abbastanza lungo e caratterizzato da un dislivello non trascurabile. Tuttavia il percorso è privo di difficoltà, perchè si percorre su sentiero battuto e segnato nel bosco nella prima parte, e poi nelle distese innevate di Cima Störes, senza eccessive pendenze. Ad ogni modo è sempre meglio consultare per sicurezza la situazione delle neve e valanghe: per le zone di Trentino-Alto Adige e Tirolo, potete consultare questo sito https://avalanche.report/bulletin/latest

Parcheggio del centro fondo Alta Badia-Armentarola

Alla partenza di questo itinerario è possibile lasciare la macchina presso l’ampio parcheggio della scuola sci di fondo Alta Badia di Armentarola, che si trova a breve distanza dalla località turistica di San Cassiano. Qui sotto nella mappa trovate la posizione esatta del parcheggio.

Sentiero 24 verso Pralongià

Arriviamo ad Armentarola nella mattinata di una splendida giornata di fine dicembre: il cielo è dipinto di un azzurro limpidissimo, e la temperatura è abbondantemente sotto lo zero, tanto che la temperatura rilevata dalla macchina nel parcheggio è -11,5°C!

Per l’occasione ci siamo infatti preparati vestendoci molto, addirittura mantenendo la tuta da sci, che solitamente camminando con le ciaspole è abbastanza ingombrante! Quest’oggi invece ci sembrerà davvero appropriata, mantenendoci alla temperatura giusta.

Dal parcheggio è facile orientarsi seguendo i segnavia del sentiero 24B che indicano la via verso Pralongià:

armentarola ciaspole val badia
Il segnavia posto nei pressi del parcheggio alla partenza dell’itinerario: seguiamo la direzione del sentiero 24B verso Pralongià

Subito lungo il sentiero, la vista si apre magnificamente verso le Dolomiti che circondano l’Alpe di Fanes, in primo luogo Cima Conturines (3.064 m.):

armentarola ciaspole val badia
Il sentiero nei pressi della partenza da Armentarola: sullo sfondo la cima Conturines (3.064m.), la più alta del Gruppo di Fanes

Procediamo a camminare ancora senza ciaspole, poichè la neve sul sentiero è battuta: tutt’intorno a noi però sono evidenti i segni delle recenti copiose nevicate, che rendono il paesaggio incantevole.

armentarola ciaspole val badia

La stradina forestale si inoltra così nel bosco, continuando ad aumentare gradualmente la salita.

armentarola ciaspole val badia
armentarola ciaspole val badia

La direzione non è difficile da mantenere: il sentiero di neve battuta prosegue sempre in un’unica direzione in salita. L’unica deviazione si trova all’inizio del percorso, nei pressi di un ponticello di legno dove seguiamo il sentiero 24B, dopo le tracce iniziali dei segnavia del 24A.

Salendo nel bosco, alle nostre spalle la vista spazia sempre fino alle Dolomiti del gruppo di Fanes, che ci accompagnano dalla partenza:

val badia ciaspole fanes
Cima Conturines (2.064 m.) a destra e Piz de Lavarela (3.055 m.) a sinistra. All’estrema sinistra la Cima Dieci (3.026 m.)

Il sentiero non è impegnativo, la salita si affronta gradualmente e in maniera molto dolce. Una volta che arriviamo al di sopra del limitare del bosco, il paesaggio muta radicalmente, e ci troviamo in un’ampia distesa di neve, così bella da lasciare senza fiato.

val badia ciaspole stores
Verso Cima Störes: ci troviamo negli innevati prati di Störes. A sinistra la cima piramidale del Piz Boè (3.152 m.) nel gruppo del Sella

Cima Störes

Così da questo punto in avanti decidiamo di indossare le ciaspole: troppo forte è la tentazione di camminare nella neve fresca fuori dal sentiero, in quest’ampia e ondulata distesa di neve.

Nei prati di Störes continuiamo a seguire il sentiero, ma cominciamo anche a prendere delle deviazioni al di fuori, visto che la direzione è sempre chiara verso la croce di cima Störes ormai sempre visibile.

armentarola val badia cisapole
Nella neve fresca sui prati di Störes

Nel frattempo il panorama si estende sempre di più: ci voltiamo alle nostre spalle e compaiono in tutto il loro splendore le Dolomiti di Fanes (o Gruppo di Fanis) al completo, nel parco naturale Fanes-Senes-Braies.

Störes cima ciaspole
A destra la cima Punta di mezzo di Fanis (2.978 m.), poi la Cima Campestrin, e a sinistra di nuovo Cima Conturines (2.064 m.) e infine Piz de Lavarela (3.055)

Nell’innevata distesa di Störes, arriviamo velocemente e dopo un ultimo breve tratto di salita alla cima Störes, in due ore e mezza di salita totale con le ciaspole dalla Val Badia.

A metà giornata il sole è sempre alto nel cielo, con i suoi riflessi abbaglianti nel mare di neve che ci circonda. Una volta arrivati in cima (a 2.181 m.), il panorama sulle Dolomiti che si presenta davanti ai nostri occhi è incredibile: una vista a 360° tra la Marmolada a sud, Civetta e Pelmo a sud-est, Tofana di Rozes a est, Dolomiti di Fanis a nord-est, la grande Val Badia a nord, il Sasshonger ed il gruppo Puez-Odle a nord-ovest ed infine il Sella con il Piz Boè a ovest. Un panorama davvero superlativo

cima stores ciaspole
Da cima Störes: vista verso la parete Nord della Regina delle Dolomiti, la Marmolada (3.343 m.) con il suo ghiacciaio
cima stores ciaspole
A sinistra il gruppo del Sella con la cima del Piz Boè (3.152 m.), al centro il Passo Gardena ed a destra il gruppo dolomitico del Puez con il Sass da Ciampac (2.667 m.)
cima stores ciaspole
Vista verso nord verso l’intera Val Badia: a destra le dolomiti di Fanes con il Monte Cavallo (2.907 m.) e Cima Dieci (3.026m.) mentre a sinistra vediamo il Sass de Putia (2.875 m.) nel gruppo Puez-Odle

Il panorama verso il Monte Pelmo, ci riporta alla memoria un’altra splendida ciaspolata, di cui potete leggere il nostro resoconto dettagliato qui Ai piedi del Monte Pelmo con le ciaspole: da Zoppè di Cadore al Rifugio Venezia (cliccate qui)

cima Störes ciaspole val badia
Da cima Störes la vista continua verso est: a destra il Monte Pelmo (3.168 m.), al centro il Settsass (2.571 m.) mentre a sinistra la punta innevata della Tofana di Rozes (3.225 m.)
croce cima Störes ciaspole
La croce di cima Störes: In fondo a sinistra il profilo inconfondibile del Monte Pelmo che emerge, e un po’ più a destra il Civetta (3.220 m.)

Dopo esser rimasti sulla cima ad aver scattato numerose fotografie, ci spostiamo velocemente perché il vento nei pressi della cima aveva fatto la temperatura percepita quantomeno a -20°C!

Se non fosse stato per la temperatura, saremmo sicuramente rimasti delle ore a contemplare un panorama così bello, da una cima effettivamente poco conosciuta, ma situata nel cuore pulsante delle Dolomiti!

cima Störes ciaspole val badia

Così torniamo di nuovo nei prati di Störes, dove mangiamo il nostro pranzo al sacco con dei panini, nei pressi di una panchina davanti ad una piccola baita chiusa, che ci protegge momentaneamente dal vento e dal freddo.

cima Störes ciaspole val badia

Con quest’ultima foto ancora verso le Dolomiti di Fanes, termina il racconto di questa splendida escursione con le ciaspole in Val Badia!

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Travel - Adventure - Life

Made by Focus On Trips.
© Copyright 2018. All rights reserved.
Close
Don`t copy text!